Farmatrade MagazineAggiornamenti dal mondo farmaceutico

Home » Comunicazione » Farmatrade Magazine

A cura dello Studio Legale Astolfi e Associati - Avv. Annalisa Cecchi

Il Tar Lazio è stato nuovamente chiamato a pronunciarsi sulla possibilità per il titolare di farmacia di acquistare i farmaci ricorrendo al codice identificativo univoco della farmacia per poi ritrasferirli al proprio magazzino di grossista.

Sul punto, il Collegio ha ricordato che non si rinviene nel nostro ordinamento una norma che impedisca al farmacista passaggi “interni” (c.d. “logistici” e gratuiti), tracciati mediante DDT, di medicinali dal magazzino della farmacia al magazzino del grossista, entrambi gestiti dallo stesso professionista, non essendo invece “ammissibili passaggi dal magazzino della farmacia a quello di grossisti (a prescindere dalla titolarità degli stessi) a titolo di compravendita o comunque oneroso, tenuto conto che, a diversamente opinare, si perderebbe definitivamente ogni ragione di distinzione tra gli stessi concetti e le correlative funzioni che delineano la differente fisionomia descritta dalla legge, rispettivamente delle farmacie e dei depositi di distribuzione dei farmaci” (Tar Lazio, sent. n. 2703 del 22 febbraio 2017).

 

 

Cerca nelle news

Archivio Notizie